FELSINA

Felsina è la latinizzazione del nome Velzna dato dagli Etruschi a Bologna nel 534 a.C. (anno della sua fondazione). Il significato originario di Velzna non è certo, probabilmente "terra fertile" o similare; secondo alcune opinioni è possibile anche che significasse "luogo fortificato".
Queso toponimo è probabilmente alla base dei nomi di altre località dell'area etrusca, come Orvieto e Bolsena.

In seguito fu modificato in Bononia dai Romani, probabilmente sulla base del nome celtico dato alla città dai Galli Boi che la conquistarono nel 358-54 a.C.

Esiste anche una leggenda che più semplicemente riconduce il nome Felsina all'omonima figlia del re etrusco Fero, uno fra i tanti supposti fondatori della città.

Un'altra storia parla di Felsino, discendente dell'etrusco Ocno (detto anche Bianore, lo stesso leggendario fondatore di Pianoro, Parma e Mantova, di cui parla anche Virgilio), che diede il nome alla città successivamente cambiato dal figlio Bono in Bononia.

Rimane come aggettivo ("felsineo").



Tutte le informazioni pubblicate in questa pagina sono tratte da wikipedia.